Percorsi d'Arte - Eventi - banner web

Il sabato della Fotografia - maggio 2016

Ritorna presso lo Spazio Comunale Piazza Forcella “Il sabato della fotografia”, ciclo di incontri curati da Pino Miraglia, e aperti al pubblico su temi, tecniche e nuove frontiere del linguaggio fotografico. Anche questo ciclo di incontri rientra nelle attività di “Movimenti per la fotografia” e inoltre affianca come unità didattiche il corso di "Fotografia e lavoro".

Questa terza edizione si focalizza non tanto sui fotografi protagonisti come nell'edizione 2015, ma sui contenuti del linguaggio fotografico con la partecipazione di studiosi, docenti e photo editor.

Press info:
>locandina (pdf)

Per info:
>movimentiperlafotografia.it

PROGRAMMA

sabato 21 maggio 2016 ore 11.30 > Piazza Forcella
PORTFOLIO!
Costruzione e lettura delle sequenze fotografiche - con Augusto Pieroni

sabato 28 maggio 2016 ore 16.00–18.30 > Piazza Forcella
domenica 29 maggio 2016 ore 10.30–13.30 > Piazza Forcella
LETTURA E FOTOGRAFIA
Laboratorio per bambini finalizzato alla comprensione delle immagini e delle storie
con Pino Miraglia, Giovanna Facciolo e Gianluca Buonamassa 
(il laboratorio è destinato ad un max di 20 bambini tra gli 8 e i 12 anni in possesso di macchina fotografica o cellulare)

sabato 4 giugno 2016 ore 11.30 > Piazza Forcella
REARVIEWMIRROR E LA FOTOGRAFIA CONTEMPORANEA
vita, morte e rinascita di un photomagazine e le nuove forme della fotografia
con Giammaria De Gasperis

sabato 11 giugno 2016 ore 11.30 > Piazza Forcella
OLTRE L’IMMAGINE – INCONSCIO E FOTOGRAFIA
Psicoterapeuti e fotografi alla ricerca dell’inconscio tecnologico
con Sara Guerrini

 __________

 

Sabato della fotografia - 21 maggio 2016   Augusto Pieroni © Gabriele Fasulo

Sabato 21 maggio incontro/seminario con Augusto Pieroni, storico e critico dell’arte contemporanea e delle arti fotografiche, autore di numerosi e importanti saggi sulla fotografia tra i quali “Leggere la fotografia”.
Nello Spazio Comunale Piazza Forcella Pieroni presenterà il suo libro “Portfolio!” edito da Postcart, punto di partenza per spiegare le tecniche di editing per costruire un racconto fotografico.
Nel corso dell’incontro Pieroni illustrerà praticamente la sua metodologia analizzando tre portfolio scelti tra quelli portati dai partecipanti.

Sabato della fotografia - 28 maggio 2016  

Sabato 28  e domenica 29 maggio  Pino Miraglia (fotografo) con Giovanna Facciolo (regista teatrale) e Gianluca Buonamassa (webmaster) condurranno un laboratorio dedicato ai bambini: “Lettura e Fotografia”.
Finalità del laboratorio è la costruzione di un videoracconto fotografico partendo da una storia da loro inventata.
Attraverso l’affabulazione, la ripresa fotografica e l’analisi simbolica dell’immagine il laboratorio mira ad una consapevole lettura delle immagini in relazione alle storie narrate.
Il laboratorio è destinato ad un numero massimo di 20 bambini tra gli 8 e 12 anni. Fondamentale è essere in possesso di una macchina fotografica o di un telefonino con il quale scattare foto.

---

Sabato della fotografia - 4 giugno 2016  

Sabato 4 giugno tocca a Giammaria De Gasperis (fotografo e operatore culturale) parlare di fotografia contemporanea in relazione al photomagazine RVM – rearviewmirror, da lui fondato nel 2009. Con Giammaria De Gasperis si affronterà il tema dell’editoria fotografica legata alla fotografia contemporanea e della difficile sopravvivenza di un photomagazine sui generis come RVM.
Anche per questo incontro i partecipanti possono portare dei propri portfolio in digitale da proporre per la nuova edizione di RVM.

---

Sabato della fotografia - 11 giugno 2016  

Sabato 11 giugno è la volta di Sara Guerrini (photoeditor di newsweek, repubblicaD ecc.) che insieme a Gabriella Gilli (professore associato di Psicologia – Università Cattolica di Milano) sono le curatrici del volume “Oltre l’immagine – Inconscio e fotografia” nel quale, con l’aiuto di diversi studiosi psicoterapeuti e psicologi hanno intervistato 15 fotografi alla ricerca dell’inconscio fotografico o anche dell’inconscio tecnologico così definito da Franco Vaccari nelle sue ricerche artistiche negli anni sessanta.